Casinò terrestri italiani, il futuro è… online

Casinò terrestri italiani, il futuro è… online

07 lug 2014 | 11:15 Editor: Morganti, Ana

Viste le necessità di reperire fondi al di fuori delle normali attività, i casinò italiani si stanno fornendo anche di una versione online.

Anche se probabilmente il periodo più nero è passato, i quattro casinò italiani non stanno vivendo certo il loro momento storico migliore. La crisi economica che ha colpito praticamente il mondo intero, ormai sei anni fa, non è ancora alle spalle e le conseguenze si sono fatte sentire un po' in tutti i settori.

Compreso appunto quello dei casinò, che in Italia da anni non riescono a chiudere il bilancio aumentando le entrate rispetto all'esercizio precedente. Si fa sempre più pressante, dunque, la necessità di aguzzare l'ingegno per cercare quante più possibili fonti di introiti. Come ad esempio quella del gambling online,  tanto per dirne una.

Sembra un controsenso, eppure anche i casinò terrestri hanno aperto le porte al gioco virtuale. Come a dire: se non puoi battere il tuo nemico, fattelo amico. Il Casinò di Campione d'Italia, ad esempio, si è appena dotata di una sala apposita, al secondo piano, dove è stato ricostruito l'interno di una sala da gioco.

Solo che lì non vedremo mai clienti in carne ed ossa, ma solo croupier, intenti a gestire tavoli di roulette, blackjack e punto banco. I clienti potranno infatti giocare a casa, direttamente dal sito principale del Casinò di Campione, provando quell'esperienza che è già stata da tempo ribattezzata come 'gioco onlive'.

Gioco online: soluzione per uscire dalla crisi?

casino di sanremoUn'iniziativa, questa, replicata anche dal Casinò di Sanremo, quello che forse più di tutti - a parte Venezia, la cui situazione è più particolare - ha risentito della crisi. La nuova amministrazione comunale di centrosinistra, che ha sostituito da poco quella di centrodestra, ha fatto sapere che d'ora in avanti la sala da gioco ligure dovrà trovare da sola i fondi necessari a nuovi investimenti.

E proprio sul gioco online (od onlive, come preferite) ha puntato forte il Casinò di Sanremo, nella speranza di ottenere una buona risposta da parte del pubblico. Il tutto senza dimenticare naturalmente i clienti classici, quelli che preferiscono recarsi fisicamente al casinò per toccare le chip con le proprie mani.

Il Casinò di Sanremo, infatti, recentemente ha acquistato 120 nuove slot machine, sistemate nella sala slot appena restaurata. Inoltre, per fine luglio è prevista anche l'apertura di una sala da gioco dedicata ai fumatori. Per non perdersi neppure un minuto di gambling, insomma.

Il futuro è nel gioco online

È ormai evidente  che il futuro del gioco sia online, non nel senso che i casinò terrestri debbano fallire o chiudere battenti ma piuttosto che è arrivata ora di profondi cambiamenti.

Le strutture di gioco devono adeguarsi al fatto che sempre più utenti preferiscono tagliare i costi del viaggio per intrattenersi ai giochi del casinò direttamente da casa e con, molto spesso, anche maggiori possibilità di vincita.

Quella del casinò terrestre sta piuttosto restando l’occasione di una vacanza, di un weekend diverso passato fuori con gli amici o ancora e sempre più di frequente, la sede di tornei live.

Sono queste infatti a nostro avviso le qualità principali e le caratteristiche vincenti di una sala da gioco terrestre oggi come oggi. L’organizzazione di eventi sale al primo posto: il casinò si deve proporre come luogo da raggiungere per uno scopo ben preciso, per un’esperienza che va oltre il semplice giocare alle slot o al blackjack, dal momento che ormai farlo da casa è molto più comodo.

Per sopravvivere bisogna puntare sulle competizioni, sugli eventi, sul poker live, ed anche sullo streaming tramite un servizio online di casinò live.

Sempre più utenti infatti scelgono questa formula e rivivono le emozioni di giocare con un croupier in carne ed ossa in streaming senza dover lasciare la propria città per raggiungere uno dei quattro casinò terrestri.

Se le sale da gioco italiane sapranno adattarsi a questi nuovi termini e anche trovare insieme con i comuni un’intesa per rilanciare il turismo sul gioco e rendere più appetibili queste tappe all’interno di circuiti internazionali di poker, allora una completa rivalutazione e un’uscita da questo perenne stato di crisi saranno più che probabili.

Quanto vale il mercato del gioco nel nostro Paese?

casino campione d'italiaSecondo quanto rivela l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (che ha preso il posto dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato), il volume d'affari del gambling in Italia è di circa 71,6 miliardi di euro. Praticamente il 4% del Prodotto Interno Lordo italiano, che fa del settore dei giochi la terza impresa più grossa d'Italia, non lontano dal secondo gradino del podio.

Scendendo maggiormente nel dettaglio, si apprende come il segmento dei giochi d'azzardo online sia quello che sta trainando il settore. L'anno scorso, il numero degli account di gioco è praticamente raddoppiato, passando da circa 80.000 a circa 150.000. A beneficiarne non sono soltanto le aziende, ma anche gli italiani: sono circa 120.000 le persone impiegate - a vario titolo - nell'universo del gambling.

Il 2014, poi, dovrebbe far segnare un altro aumento nel gioco online, grazie all'espansione del gambling sui dispositivi mobile quali smartphone e tablet. Ma anche i casinò terrestri, a partire dalla seconda metà del 2013, hanno cominciato a vedere la luce in fondo al tunnel della crisi economica.

Il Casinò di Campione d'Italia, ad esempio, l'anno scorso si è piazzato al terzo posto nella classifica delle sale da gioco terrestri europee, con incassi pari a 91 milioni di euro. Meglio di Campione hanno fatto solo il Regency Montparnasse, con 93 milioni di euro, e il Casinò di Enghien-Les-Baines (Parigi) con 154 milioni di euro.

Allargando lo specchio, scopriamo come l'Italia sia il secondo paese più 'giocoso' d'Europa, e il sesto in tutto il mondo. L'anno scorso, la spesa media pro capite degli italiani è stata di circa 1.260 euro, in questo settore. Svetta la Lombardia, che ha giocato oltre 2,5 miliardi, seguita dalla Campania con circa 1,8, quindi il Lazio con 1,6 miliardi.

Pavia, capitale del gioco d'azzardo

Curiosamente, è la città di Pavia ad essere la più appassionata al gioco d'azzardo. Persino il New York Times le ha dedicato un articolo, definendola la capitale delle slot machine in Italia. Effettivamente, a Pavia ci abitano 68.000 persone e la diffusione delle slot machine è di una ogni 110 abitanti. Qui, infine, la spesa pro capite è quasi doppia rispetto alla media nazionale: 2.123 euro l'anno.

Scopri di più Morganti, Ana

Site Manager e Responsabile della linea Editoriale per Casinotop10 Italia

Qual è il tuo numero?

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

In tutto il mondo, da centinaia e centinaia di anni, sono moltissimi i giocatori che hanno vissuto – e tuttora vivono – ...

Read More