Casinò in Sicilia o maggiori tasse sul gioco?

Casinò in Sicilia o maggiori tasse sul gioco?

30 dic 2013 | 12:10 Editor: Casinotop10

Proprio mentre si scelgono le location per i futuri casinò siciliani, il sindaco di Ravenna chiede un forte aumento delle tasse sul gioco in una lettera aperta al Capo dello Stato.

Puntualmente da diversi anni a questa parte torniamo a parlare della possibile aperture di una sala da gioco in Sicilia.

Se le istituzioni per molto tempo hanno ignorato il potenziale dell`isola italiana, sembra che finalmente le acque siano cambiate e il progetto troverà realizzazione.

Inutile dire che due molle in particolare hanno permesso di uscire da un`imbarazzante situazione di stallo: la crisi e il successo dell`azzardo nella vicina isola di Malta.

Se anche i rischi di un casinò nel Sud Italia non potranno essere ignoranti, in un momento cosi delicato i vantaggi economici di un progetto capace di rilanciare il turismo siciliano (e italiano) doveva giustamente prendere il sopravvento.

TaorminaSi aspetta dunque l`autorizzazione da parte del Presidente della Regione, che inizialmente era previsto proprio durante il periodo natalizio.

In realtà la realizzazione del progetto che prevede l`apertura non di una ma bensì di due sale da gioco sembra ormai cosa fatta ed infatti di “location” che si parla nelle ultime settimane.

Mentre quindi il si de Palazzo dei Normanni è cosa certa, non si puo` essere sicuri di quello di Roma che avrà comunque l`ultima parola.

In attesa di un responso definitivo, con Palermo e Taormina come papabili sedi dei casinò siciliani, un`ennesima richiesta per aumentare la pressione fiscale sul gioco proviene da Ravenna.

La lettera del sindaco di Ravenna

Fabrizio MatteucciIl sindaco Fabrizio Matteucci ha inviato una lettera aperta a Napolitano in cui specifica come

Alla fine del 2013 gli italiani avranno speso 100 miliardi in giochi d'azzardo… Di quei 100 miliardi solo poco più di 10 miliardi entrano nelle casse dello Stato

Secondo Matteucci il grande incremento del gioco d`azzardo negli ultimi anni deve essere sfruttato con un maggior prelievo fiscale, che invece è sceso come egli stesso sottolinea:

 “Negli ultimi 10 anni, per il gioco d'azzardo la percentuale del prelievo fiscale è precipitata dal 30 al 10%”. E mentre in questi stessi 10 anni crescevano le tasse per tutti. A mio giudizio siamo di fronte ad una evidente e perfino sfrontata violazione di diversi articoli della nostra Costituzione”.

Parole davvero forti a cui segue l`augurio del sindaco di Ravenna che lo Stato intervenga già a partire dagli inizi del 2014.

Per quanto la posizione di Matteucci sia chiara e non attaccabile, va pur detto che esercitare una maggiore pressione fiscale in uno dei pochi settori in crescita nel nostro paese potrebbe avere un effetto devastante.

Reali possibilità o fallimento assicurato?

Quello che resta da chiedersi è se effettivamente una casa da gioco in Sicilia possa regalare reali opportunità oppure potrebbe trasformarsi nell’ennesimo casinò a rischio di perenne debito con il comune.

In realtà fino a qualche anno fa quella di un casinò magari proprio a Palermo o a Taormina poteva essere davvero una buona idea. Si sarebbe potuto unire soprattutto la buona cucina, le spiagge e il clima con l’offerta del gioco d’azzardo per aprire nuove prospettive sul turismo.

Perché diciamocelo, la Sicilia non è la regione meglio collegata con il resto d’Italia in genere e voli a parte, tra l’altro a volte più costosi di quelli per andare all’estero, non è facile guidare neanche dalla più vcina regione, la Calabria, passando per lo stretto di Messina.

Senza buoni collegamenti aerei a nostro avviso sarebbe difficile creare una casa da gioco davvero funzionale, che possa essere anche incorporata nel circuito dei tornei di poker live internazionali e di altri eventi.

Altro fattore che oggi limita esponenzialmente le possibilità di un casinò in Sicilia è la presenza della vicina isola di Malta che di recente ha puntato tutto proprio sul gioco d’azzardo.

Non solo infatti la maggior parte dei siti e degli operatori online si trova a Malta, ma l’isola possiede almeno 3 grandi casinò attivi e ben allacciati, un aeroporto funzionale e il vantaggio di una popolazione che parla inglese senza alcuna difficoltà.

Tenendo in considerazione questi fattori crediamo che ormai la Sicilia sia troppo in ritardo e non abbia tutte le carte in regola per competere con Malta.

Qual è il tuo numero?

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

In tutto il mondo, da centinaia e centinaia di anni, sono moltissimi i giocatori che hanno vissuto – e tuttora vivono – ...

Read More