The Voice: A Sanremo il Talent (Più Criticato) dell’Anno

17 lug 2013 | 11:16 Editor: Giovanni Angioni

Dopo aver conquistato la prima serata su Rai 2, “The Voice of Italy” lancia un guanto di sfida al Festival e sbarca a Sanremo.

Quasi a voler realizzare quel sogno di “duettare a Sanremo con Beyoncè” che la vincitrice del talent si è lasciata scappare in un’intervista pubblicata da Visto, la carovana di The Voice of Italy si prepara ad invadere la città simbolo della canzone italiana.

Certo, qualcuno potrebbe azzardare che la bravissima Elhaida Dani avesse probabilmente in mente un palco più simile a quello dell’Ariston che a quello del Casinò Municipale – ma queste sono davvero questioni di dettagli.

Soprattutto visto che tra il 107 di Corso Matteotti e la scalinata di Corso degli Inglesi non è questione che di una piccola e rilassante passeggiata.

Con la modella nonché Signora Briatore Elisabetta Gregoraci a fare le veci di padrona di casa al posto del conduttore del programma televisivo Fabio Troiano, il talent show rivelazione della stagione si prepara dunque ad una specialissima serata canora in programma per venerdì 19 luglio nel roof garden del casinò.

Per la Gregoraci si tratterà di un ritorno dopo l’apprezzato fashion show organizzato dal casinò che l’ha vista protagonista soltanto qualche settimana fa, mentre per i vincitori di The Voice of Italy sarà una buona occasione per tastare il polso sanremese. Che poi, a leggere quello che circola su Internet, per qualcuno potrebbe anche essere l’unica.

Fabio Troiano bocciato dalla Rete

Nonostante l’enfasi che la direzione di Rai2 ha messo nel programma el’impressionante cifra di telespettatori (2.200.000, il 13% di share) che sono rimasti incollati allo schermo durante la sua ultima puntata, la versione italiana del format The Voice ha lasciato in molti il retrogusto amaro di una competizione mal organizzata ed a tratti poco chiara.

Fabio Troiano The VoiceMolto critico fin dalla prima puntata, ad esempio, il sito RealityHouse, che attacca senza mezzi termini una conduzione scialba.

Secondo il sito il conduttore Fabio Troiano (nella foto a sinistra) avrebbe “la verve di un cadavere al guinzaglio” che non avrebbe certo aiutato nel disastro combinato al momento della storica apparizione di Patty Smith sul palco del programma che viene descritta così:

“Entra anche la Smith, sempre più Nessie e meno umana. La regia impazzisce, i giudici si guardano confusi e qualcuno tra i cori prende delle note che non c’entrano niente con la canzone. Non si chiedeva un’esibizione perfetta, ma manco ‘sta roba”.

All’attacco dell’ex Genio Abdù Zazà della Melevisione Troiano, anche Salvatore Peetrillo del sito La Nostra TV che scarica sulle scarse qualità del presentatore responsabilità molto pesanti.

“Come rovinare un format di successo internazionale? Chiamando Fabio Troiano alla conduzione” scrive Pietrillo, arrivando anche a chiedere chequalcuno lo fermi e gli impedisca di continuare a recitare male la parte del bravo conduttore”.

Secondo Petrillo – che per altro ha fatto anche lui un provino su La3 per diventare presentatore e che potete trovare qui – Troiano si sarebbe reso colpevole di essere “sempre troppo finto, di fare battute fuori luogo, di avere poco senso della diretta e di essere privo di autoironia”.

Questo, dunque, avrebbe avuto come risultato il fatto che la trasmissione: “che dovrebbe avere un volto giovane e rispettabile, ne continua a perdere in spontaneità e freschezza. Ci auguriamo, che i vari dirigenti che lo hanno scelto, si rendano conto del grave errore commesso e non pensino, neppure lontanamente, di volerlo riconfermare per la prossima edizione.”

“Vincono la voce bella ed il figo”

Conduzione e scelte di Mamma Rai a parte, l’edizione italiana sembra venir salvata da tutti solo grazie alla straordinaria voce della sua vincirice, l’albanese (e pazienza!) Elhaida Dani.

Il portale dedicato al mondo della musica emergente Emergeranno ha chiarito in maniera molto eloquente tutti i dubbi legati al passaporto di Elhaida Dani (nella foto) sostenendo come “Certo, potremmo discutere ore sul fatto che “La voce dell’Italia” sia una cantante albanese, ma, per carità, Elhaida ha una voce stupenda e una tecnica invidiabile, la vittoria è sicuramente meritata.”

Elhaida Dani The VoiceDiverso, invece, il giudizio sugli alcuni tra gli altri “finalisti” del talent show, ritenuti quantomeno inadeguati al livello che lo show avrebbe dovuto avere.

Il primo a finire sul banco degli imputati è il secondo qualificato, quel belloccio di turno Timothy Caviccini che sembra oggi più a suo agio stando seminudo sulle pagine di Vanity Fair che altro.

“Vorrei dire a tutte le ragazzine (e non) arrapate che l’hanno votato”, chiosa Emergeranno “che non verrà a casa vostra a ringraziarvi personalmente…” lasciando intravedere il sospetto che muscoli, capelli e tatuaggi abbiano potuto lì dove non sia arrivata una voce non troppo speciale.

“Bello ma banale” è poi il lapidario commento di PopCorn Addicted che affossa Caviccini ma promuove a pieni voti l’esibizione di Elhaida Dani. “Che voce. Cocciante sa il fatto suo, ha scelto brani immortali e perfetti per portarla sul podio.”

“La sua interpretazione di I Will Always Love You? Epica. Il resto? Fuffa”.

Quei “soliti” difetti di Mamma Rai

Qualità dei finalisti e del presentatore a parte, la critica della Rete non ha risparmiato accuse anche alla Rai, accusandola di aver investito troppo in una produzione che in più di un’occasione avrebbe subito qualche ritocchino di troppo.

Lord Lucas del popolare sito TvBlog, ad esempio, scaglia il sasso contro alcuni precisi tagli decisi in fase di post produzione per riuscire a mantenere una certa immagine buonista appiccicata alla meglio dalla stessa Rai a The Voice.

Timothy Cavicchini The Voice“Il talent di RaiDue sembra apparentemente il più buono e leale. Invece è il più "lavorato" in post-produzione, con una serie di tagli poco trasparenti” scrive su TvBlog .

“In postproduzione hanno tolto tutti gli errori, per rendere le esibizioni dei concorrenti passati “perfette” e, quindi, dar maggior credibilità al format. Una sorta di Photoshop della voce.

Photoshop che, comunque, sarebbe stato ridotto ai minimi termini già in partenza, visto che i partecipanti allo show sarebbero stati scelti in un modo che di “talent” avrebbe davvero pochissimo.

A parlarne è “Invidia”, che citando un intervista rilasciata da Timothy Cavicchini (foto) scrive: “Ecco che arriva una nuova tegola” sulla versione italiana del format, visto che “Il giovane ha ammesso candidamente  al settimanale di non essersi proposto lui, ma di essere stato contattato direttamente dalla produzione”.

“Una dichiarazione che conferma le supposizioni che in molti avevano avanzato guardando i concorrenti del talent”, ovvero che “la produzione del talent che sta avendo un buon riscontro di pubblico abbia scelto la strada più sicura e quindi di artisti già professionisti.”

Risultato? Se questo fosse vero, “ The Voice sarebbe il talent più di facciata dell’anno”, per dirla con un commento sarcastico scritto sempre da LordLucas.

1.000.000€ a puntata

Tra i punti dolenti della seconda edizione di The Voice of Italy anche i pesanti (per le casse della TV pubblica) compensi promessi ai giudici.

Stando a quanto riportato da Tuttonews, infatti, le cifre avrebbero richiesto la disponibilità di un super budget da 1.000.000€ a puntata.

“Stando alle indiscrezioni degli ultimi giorni Raffaelle Carrà percepirebbe 400 mila euro, invece Riccardo Cocciante 200 mila, Piero Pelù  75 mila mentre Noemi  50 mila euro: questi gli onorari previsti per i quattro giudici per le 10 puntate del programma.

“Una cifra esosa, visti i tempi di crisi, che si attesterebbe intorno ad 1 milione di Euro a puntata e che contrasterebbe con la spending review  adottata dall’azienda.”

Elhaida Dani The VoiceCome nota  a margine, poi, va detto che non sono mancate anche le tradizionali polemiche su merito e raccomandazioni – ben riassunte dallo staff di Gossipetv in questo post.

A far scattare l’allarme la presenza di alcuni “protagonisti (in alcuni casi nemmeno riconosciuti) dei musical di Riccardo Cocciante” oltre ai quali si sarebbero alternati altri personaggi “sospetti”.

“Dai professionisti che hanno già partecipato a Sanremo ad altri che arrivano da programmi televisivi, senza dimenticare anche le “vecchie glorie”.

“Nel corso delle  prime tre puntate dedicate alle Blind Audition sul palco di The Voice sono saliti molti volti noti: il nome di Jessica Morlacchi (foto) non dirà nulla, ma la ragazza era la voce de I Gazosa (...).

“Anche Daniele Vit è stato già a Sanremo e ha partecipato anche ad X Factor con il gruppo A&K. Ci sono, poi, concorrenti che hanno già partecipato alle edizioni straniere dello stesso programma: Marsela Cibukaj da The Voice of Albania e Michelle Perera da The Voice of Germany.”

“Coincidenze” che potrete toccare con mano venerdì prossimo direttamente dal roof garden del Casinò di Sanremo apprezzando la comunque straordinaria voce di Elhaida Dani.

Perché, per dirla con le parole di PopCorn Addicted, alla fine tutto il resto è fuffa.

Qual è il tuo numero?

lukcynumber
lukcynumber

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

La roulette gratis online è un gioco estremamente emozionante al quale potete giocare in ogni momento e ovunque voi siat...

Continua a leggere