Intellistreet a Las Vegas: attenzione ai lampioni spia

Intellistreet a Las Vegas: attenzione ai lampioni spia

18 dic 2013 | 03:40 Editor: Casinotop10

A Sin City i casinò sono equipaggiati di telecamere di videosorveglianza, ma anche le strade hanno ora dei nuovi alleati chiamati Intellistreets.

Questa precauzione negli interni dei casinò è comprensibile e necessaria, non solo per assicurarsi che i giocatori non barino e per scovare i truffatori, ma anche per gestire i numerosi clienti che di solito si accalcano intorno ai tavoli da gioco e alle slot-machine.

La novità è che anche quando si esce dal casinò non smetteremo di essere inquadrati. Per ragioni di sicurezza infatti le telecamere sono piazzate anche per le strade.

IntellistreetsMa quello che senza dubbio ignorate e che non ci si può fidare neanche dei lampioni: a Las Vegas si stanno infatti montando nuovi lampioni più ecologici a basso consumo e che insieme fungono anche da agenti del Grande Fratello...

Un sistema simile a Disneyland

Questi gioiellini tecnologici vi filmano a vostra insaputa, identificando il vostro volto, registrando le vostre conversazioni, scambiandos informazioni tra loro in wi-fi... e possono persino segnalare irregolarità alle forze dell`ordine.

Fantascienza? Assolutamente no. Li chiamano Intellistreet, e sono così sofisticati da poter addirittura percepire lo stress nella voce dei passanti.

Impossibili sfuggirvi dal momento che a Las Vegas saranno collocati dappertutto per illuminare la città...

Per evitare le polemiche in merito alla violazione della privacy, gli amministratori di Sin City hanno trovato delle argomentazioni molto convincenti:

maggiore sicurezza per le strade e un ritrovato rispetto dell’ambiente” e ancora “un’esperienza divertente” che “supera quella di una semplice illuminazione”.

L’amministratore delegato dell’Intellistreet, Ron Harwood, è convinto di agire per il bene di tutti.

Lo stesso ha già rifornito Disneyland, e ironicamente sostiene che grazie alla sua illuminazione high-tech la gente nel parco giochi è la “più felice di tutti”...

Un vecchio detto recitava “quello che succede a Las Vegas rimane a Las Vegas” ma questa nuova trovata rischia di capovolgere completamente le cose…

Come funzionano gli Intellistreet?

Se vi state domando quale sia il funzionamento di questi prodotti tecnologici ecco spiegato sul sito ufficiale come è costituito il lampione.

  • La punta in cima nasconde un’antenna wireless in dual band.
  • La lampada in sé è una “smart grid” che consente un’ottima illuminazione con basso consumo di energia elettrica.
  • Subito alla base della lampada vi è uno speaker che permette la riproduzione di musica cosi come di annunci.
  • La parte alta del palo ha un display che mostra segnali stradali digitali, come frecce e indicazioni varie.
  • Al palo inoltre può esser attaccato un pannello laterale digitale per riprodurre immagini. Questo pannello inoltre dispone di sensori di prossimità utili a rivelare l’avvicinamento dei pedoni.
  • Nella parte bassa del palo troverete infine un pulsante di emergenza per contattare la stazione più vicina in caso necessitiate di aiuto.

Come noterete si tratta di un apparecchio decisamente sofisticato e tecnologico che dispone di numerosi dispositivi avanzati e che chiaramente nasconde un costo non irrilevante.

Tuttavia l’utilità di apparecchi simili in zone particolamente pericolose potrebbe rivelarsi davvero fondamentale per la salvaguardia dei cittadini.

Non a caso proprio a Las Vegas è stato pensato un primo utilizzo proprio per evitare che i fortunati vincitori al casinò si trasformino in sfortunate vittime di rapine e borseggi.

Un reale risparmio energetico?

Uno dei dubbi sollevati online circa la praticità di questo nuovo apparecchio riguarda non solo il costo di produzione ma soprattutto quello di mantenimento oltre che il consumo energetico.

In realtà proprio quest’ultimo sembra essere uno dei punti di forza di Intellistreet che dispone della possibilità di produrre energia e di risparmiare sull’inquinamento.

Un altro punto di forza di questi lampioni risiede nel fatto che siano tutti collegati fra loro in wireless cosa che taglia di non poco i costi per quanto riguarda l’istallazione e l’utilizzo di cavi di connessione che il più delle volte per ragioni di sicurezza devono essere fatti passare nel sottosuolo.

È stato stimato che la connessione in wireless di questi dispositivi va a tagliare i costi energetici fino al 70% sul totale rispetto ai normali lampioni utilizzati per strada.

Un beneficio per l’ambiente e per le persone?

In che modo questi Intellistreet vanno a portare un beneficio all’ambiente? Non siete i soli ad averlo chiesto una volta appresa la notizia di questi nuovi lampioni “intelligenti”.

In primo luogo questi lampioni sono dotati di sensori che permettono di rilevare sostanze tossiche oltre che l’inquinamento dell’aria e dell’acqua in caso di pioggia.

Grazie poi ai pannelli e ai messaggi audio questi apparecchi possono comunicare con le persone per informare in caso di pericoli, mentre la presenza del pulsante per contattare una stazione di polizia vicina può rivelarsi davvero un “salva vita” in situazioni estreme.

Li vedremo davvero in futuro per strada?

È difficile rispondere su due piedi a questa domanda perché in realtà gli Intellistreet richiedono un grandissimo senso civico da parte dei cittadini per poter effettivamente sopravvivere indisturbati portando i benefici che chiaramente possono portare.

Si tratta comunque di dispositivi complessi e tecnologici che comprendono antenne, lampade a basso consumo, pannelli solari, un touch screen per interagire oltre che uno speaker di alta qualità.

Forse immaginare dei dispositivi del genere in ogni strada è piuttosto futuristica come idea, se non utopistica, ma non è escluso che in un futuro non molto prossimo li potremo vedere magari anche in Europa se non altro nelle grandi città.

 

Qual è il tuo numero?

lukcynumber
lukcynumber

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

In tutto il mondo, da centinaia e centinaia di anni, sono moltissimi i giocatori che hanno vissuto – e tuttora vivono – ...

Continua a leggere