Il Gioco Illegale Domina la Penisola

17 mag 2012 | 07:15 Editor: Lazzaro Cadelano

L’appeal delle room online italiane non regge il confronto con le .com: il mercato nero continua a farla da padrone.

gioco illegaleL’appeal delle room online italiane non regge il confronto con le .com: il mercato nero continua a farla da padrone.

Sono passati circa nove mesi, ma, è proprio il caso di dirlo, la tanto auspicata inversione di tendenza nel mondo del gioco legale italiano non è stata ancora partorita. Secondo una recente indagine, il mercato nero continua ad attirare i giocatori e questo mondo sommerso alla fine occupa quasi il 75 per cento del volume d’affari.

Il giro legale conferma una percentuale ancora troppo irrisoria, il restante 25 per cento: come dire che sottobanco passano circa 12 miliardi lordi.

Che non finiscono nelle casse statali, che non contribuiscono a un circuito in cui alla fine costi e benefici si equivalgono. Insomma è come una sfida già persa in cui a vincere sono solo i padroni, quelli che stanno nell’ombra.

Un’industria da prendere sul serio

Ogni anno gli italiani spendono 350 milioni di euro in siti internet non autorizzati, incentivando un mercato che però non contribuisce allo sviluppo dell’economia nazionale.

Sono passati ormai più di nove mesi da quando i giochi da casino online e il poker cash game sono diventati una realtà legale in Italia, ma questo non sembra esser bastato ai player nostrani, visto che le sale '.com' vanno ancora per la maggiore.

C’è una torta che viene spartita tra “soliti noti” e che è farcita da circa 100 miliardi di euro. Per intenderci: 16 volte il business annuo di Las Vegas o quanto basterebbe a sei o sette manovre finanziarie.  Su questa cifra imponente lo Stato incassa il dieci per cento. E il settore ha 120 mila addetti, di fatto la terza industria italiana dopo Eni e Fiat.

Le big del mercato delle new slot, delle lotterie e delle scommesse sportive in Italia sono dieci e rappresentano metà di quel fatturato. Dietro a loro ci sono altri 1500 concessionari-gestori che si spartiscono l'altra metà.

Alcune made in Italy sono perfettamente trasparenti - per esempio Lottomatica e Snai - mentre per altre con sedi all'estero è arduo stabilire proprietari e intrecci societari.

Domande su delle ombre importanti

gioco d azzardo online2La Corte dei conti, la Direzione nazionale Antimafia, la commissione parlamentare Antimafia e persino una quarantina di parlamentari di tutti gli schieramenti politici hanno presentato interrogazioni molto circostanziate.

Tanti i punti interrogativi, poche risposte: chi c'è in realtà dietro quelle società sotto i riflettori dell'antimafia? Perché i Monopoli hanno accolto aziende con proprietà a dir poco oscure, a cui di fatto viene affidato il ruolo di esattore fiscale?

Come funziona il sistema di scatole cinesi delle imprese che operano in Italia con azionisti esteri e con finanziarie in paesi come Svizzera, Lussemburgo o Antille olandesi?

Come finirà la partita del rinnovo delle concessioni?

E se latitano le risposte, anche le soluzioni non sono semplici.

Le slot online tanto auspicate, forse potrebbero dare una mano, ma non risolvere il problema. È vero che le slot online, rappresentano circa i due terzi delle giocate raccolte dalle sale '.com'.

Appare chiaro che lo spostamento della domanda è determinata dall’attrattiva, dal fatto che gli italiani possono trovare ciò che i casino online di Aams non possono dare. Messaggio tra le righe, ma neanche tanto implicito: lo Stato deve “aprire” alle slot virtuali.

Ma se è vero che non basterà ad abbattere il mercato sommerso, almeno si farà qualcosa, viceversa il “nero” continuerà a vincere mentre tutti puntano sul “rosso”. Come i conti.

Qual è il tuo numero?

lukcynumber
lukcynumber

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

La roulette gratis online è un gioco estremamente emozionante al quale potete giocare in ogni momento e ovunque voi siat...

Continua a leggere