Il Casinò è sempre più femmina

18 lug 2014 | 03:06 Editor: Federica Zacchi

Dopo la parità tra gli appassionati, sta arrivando la parità tra i lavoratori.
Cosa vogliamo dire con questa frase? Semplicemente che questi anni di grandi rivoluzioni nel mondo del gioco d’azzardo stanno contribuendo a promuovere l’uguaglianza tra uomini e donne.

Come, infatti, ora accade che il gentil sesso si diverta e vinca con bingo, slot machine o blackjack – cosa assolutamente inimmaginabile fino a pochi anni fa, quando il gioco d’azzardo era “roba per soli uomini” – accade anche, contro ogni previsione, che sempre più donne lavorino nel settore del gambling, ricoprendo talvolta posizioni di responsabilità.

Quali sono i Paesi più “avanti” in questo senso?

SvizzeraLa medaglia d’oro spetta alla Svizzera: al casinò di Locarno, il personale femminile assunto supera già quello maschile: siamo 37 a 35. Non solo, molte donne ricoprono ruoli che si collocano al vertice dell’organizzazione di una casa da gioco. Anche al casinò di Lugano il rapporto tra uomini e donne assunte, di anno in anno, sta evolvendo a favore di queste ultime.

sloveniaLe cose vanno in questa direzione anche in Slovenia, nel casinò di Nova Gorica,  dove il numero delle donne impiegate è da sempre rilevante, grazie a una mentalità aperta e alla buona organizzazione del lavoro.

italiaE in Italia? Siamo lontani dalla parità: al momento, infatti, solo un quarto dei dipendenti dei quattro casinò della nostra penisola “è donna”. La motivazione è sempre la stessa: è difficile conciliare un lavoro come questo con gli impegni familiari.

maltaLo scetticismo, anche se in forma minore, è presente anche in altri Paesi: prendiamo ad esempio il caso di Malta, dove comunque il numero delle donne occupate nei casinò rappresenta circa il 50% dell’intero personale. Ma qui le donne vengono impiegate nei ruoli “più classici”, quali receptionist, cassiera, croupier; difficilmente le vedremo occupate in posizioni di responsabilità. Lo spiega così Eros Ganzina, direttore del Casinò di Portomaso: «finché si tratta di un lavoro con dei turni regolari non ci sono problemi ma avere un’intera area sotto la propria supervisione comporta la massima flessibilità e reperibilità in un ambiente, come quello del Casinò, in cui si lavora prevalentemente di notte. Per questo motivo è difficile vedere delle donne ai vertici

Conclusione...

Come dimostra questa veloce panoramica, la strada è quella giusta ma, soprattutto in certi Paesi, c’è ancora molto da fare. Vi lasciamo allora con l’ottimismo che traspare dalle parole di Sara Rodi, componente del cda del Casinò di Sanremo: «ci sono caratteristiche tipicamente femminili che portano un contributo peculiare importante, anche nel momento in cui ci si interfaccia con i dipendenti e con i clienti».

Che sia di buon auspicio.

 

No Image
Scopri di più Federica Zacchi

Communication and Public Relation officer

Qual è il tuo numero?

lukcynumber
lukcynumber

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

La roulette gratis online è un gioco estremamente emozionante al quale potete giocare in ogni momento e ovunque voi siat...

Continua a leggere