Google Glasses: ecco per cosa NON ti serviranno

11 giu 2013 | 03:07 Editor: Giovanni Angioni

Hai letto migliaia di articoli, speso ore guardando video su YouTube, combattuto conto troll in tutti i più autorevoli forum tecnologici della Rete ed ancora non sei riuscito a convincerti che i Google Glasses valgano il prezzo del loro cartellino?

Ti capisco – 1.500$ per la versione “beta” degli occhialetti magici sono davvero un sacco di soldi, questo non lo si può negare.

Però, ammettiamolo: al momento non esiste nulla di così cool quanto i Google Glasses. Ed esattamente come quando Gmail era un servizio ad invito e l’iPhone non lo vendevano che in un pugno di negozi negli USA...il solo fatto che i Glasses non siano sugli scaffali dei negozi li rende così sexy che non si può non volerne possedere un paio.

Fino ad oggi, però, la gente ti ha raccontato solo di quelle incredibili cose che puoi fare con i Google Glasses – e questo è di sicuro il lato migliore della medaglia.

Fare foto in qualsiasi momento, girare video in prima persona senza dover per forza incastrare una GoPro sulla testa o dettare SMS ed Email al solo costo di un – un po’ridicolo, a dire il vero – “Ok Glasses, fammifelice” è qualcosa che in molti vorremmo provare.

Ma, aspetta – che mi dici di tutte quelle cose che non puoi fare con i Google Glasses?

Nonostante per ora vengano indossati solo da una ristrettissima cerchia di developer/fashionista che possono permettersi di spendere 1.500$ per un prodotto incompleto, gli occhialetti di Google si sono infatti già guadagnati una nutrita schiera di nemici ed una precisa lista di cose che non possono fare.

Quindi, prima di cominciare a perder tempo su Internet per spendere sui primi e più cari occhiali senza lenti della storia gli stessi soldi di un’attrezzatura per kite surfing o di un fine settimana a Parigi, leggi qui. Questo articolo potrebbe aiutarti ad evitare una delusione davvero poco piacevole.

I Google Glasses non ti renderanno milionario

Google glasses al casino

Se sei cresciuto guardando film come 21 ed hai trovato avvincente-ed-invitante la scena del primo episodio di “Una Notte da Leoni” in cui i ragazzi sbancano il tavolo di black jack contando le carte – stai fermo dove sei.

Non sei l’unico ad aver pensato “compro i Google Glasses, vado a Las Vegas e vinco i soldi che ho speso”. E probabilmente non sei nemmeno quello che riuscirà a farlo, visto che i casinò hanno già studiato la cosa e deciso di chiudere le porte ai Glasses.

Officialmente giustificato da questioni di privacy – foto e filmati andrebbero completamente fuori controllo contravvenendo alla prima regola di ogni casinò del mondo  -, il divieto d’accesso ai Google Glasses nei casinò è motivato anche dalla minaccia che questi costituiscono per il banco.

Pensa: non devi fare altro che guardare il tavolo mentre fai lo splendido con la biondina che ti si struscia contro le spalle mentre un genio della matematica tiene tutto sotto controllo guardando da casa lo streaming live del gioco mormorandoti le puntate giuste per vincere direttamente dentro all’orecchio.

Riesci ad immaginare la situazione? Bene, non smettere. Perché la tua immaginazione è tutto quello che ti rimane.

I Google Glasses non ti faranno diventare Terminator

Facial Recongnition Google Glasses

Non so come la veda tu, ma la maggior parte delle volte che provo ad immaginarmi mentre uso i Google Glasses, io finisco per costruirmi una scena in cui divento una specie di super Terminator che guarda tutto mettendo insieme realtà aumentata e riconoscimento facciale.

Per qualche motivo, però, sembra che nulla di questo sia destinato a succedere davvero e che i Glasses non faranno molto più che dirmi che – sì, quello che stai guardando è effettivamente un albero. Il che penso sia allo stesso tempo triste ma giusto.

Triste perché credo che 1.500$ sarebbe un prezzo onesto per permettermi di non dimenticare mai più il nome delle persone che incontro o per conoscere finalmente l’identità  (ed il profilo Facebook, G+, Twitter, Instagram, Flickr, indirizzo Email, numero di telefono...) di quella bella fanciulla che incrocio ogni giorno mentre vado al lavoro.

Ma anche giusto perché alla fine non sono sicuro che mi piacerebbe vivere in un mondo senza privacy in cui chiunque potrebbe sapere tutto quello che io sono online semplicemente...guardandomi.

In un aggiornamento della sua Glass Policies pubblicato il 31 maggio, Google ha comunque scelto di andare contro il riconoscimento facciale spiegando come i Glasses “non usino la macchina fotografica ed il microfono per combinare le informazioni ricevute e fornire in maniera immediata dei dati personali in grado di identificare persone che non siano l’utente”.

Quindi – è finita, non c’è speranza. Non rimane altro che continuare a guardare la clip qui sotto ed aspettare il prossimo giro.

I Google Glasses non ci renderanno dei novelli Terminator. Per lo meno non ancora.

I Google Glasses non ti trasformeranno in Casanova

Sul serio, se hai pensato anche solo per un momento che i Google Glasses siano la chiave per migliorare il tuo rapporto con le ragazze – arrenditi. Millecinquecento dollari più tardi potresti accorgerti che il problema non sia solo in cosa porti tra le orecchie ed il naso ma (anche) nel modo in cui scegli di spendere i tuoi soldi.

Dartanion London, un attore comico di Seattle attivissimo su YouYube, ha realizzato una video parodia dei Google Glasses mostrando cosa possa succedere ad utilizzarli per riuscire a far andar bene un appuntamento galante.

Ed a giudicare dalle reazioni ottenute – oltre 3 milioni di visualizzazioni, 25.513 mi piace e 1.622 commenti...vien da pensare che io non sia l’unico a trovarlo divertente.

Quindi, davvero – se credi che i Google Glasses siano stati creati per aiutarti a trovare l’anima gemella...siediti, clicca su play e goditi il video. Una volta finito di guardarlo, magari, prova a considerare cose come iscriverti in una palestra, invitare qualcuno per una cena romantica, farti lavare la macchina.

Oppure prenditi un cucciolo. I cuccioli funzionano molto meglio dei Glasses. E fanno compagnia.

Strip Club? No Grazie.

Google Glasses Strip Club

Il giorno in cui abbiamo pubblicato la notizia del divieto di usare i Google Glasses nei casinò di Las Vegas, vi abbiamo dato anche un piccolo indizio su come i Glasses non siano stati realizzati per usi particolarmente piccanti.

Minacciati da allarmanti questioni legate al rispetto della privacy dei loro clienti, anche gli strip club di Sin City hanno subito deciso di ritagliarsi il ruolo di “no Glasses zone” impedendo l’accesso a quegli arditi che avevano in mente di gironzolare tra i pali per la lap dance indossando con discrezione ESATTAMENTE QUELLA COSA che nessuno penserebbe mai di portare in uno strip bar: una telecamera.

Di nuovo, a pensarci bene anche questa chiusura ha sia aspetti positivi che negativi. Se da una parte io sarei terrorizzato all’idea che mi possa bastare lasciare i Glasses su di un tavolo per far scoprire a chiunque (mia moglie? Il mio capo? Scegliete chi vi pare) che cosa stessi facendo mentre pretendevo di essere in ufficio per lavorare a dei progetti urgentissimi...allo stesso tempo credo che, maledizione, abbia perso ancora un’altra occasione per svegliarmi la mattina e ricordare davvero che cosa sia successo la notte prima.

I Google Glasses non vi renderanno Rocco Siffredi

Google Glasses

A parte quei piccoli dettagli anatomici che potrebbero avere un qualche ruolo nella questione – no, i Google Glasses non vi aiuteranno a diventare novelli Rocco Siffredi.

Poco più di una settimana fa, una società specializzata in prodotti per adulti chiamata MiKandi ha pubblicato un post sul suo blog annunciando lo sviluppo di un’app decisamente piccante per i Glasses in grado di portare una ventata di interattività nell’industria e di regalare una scorciatoia per il paradiso per i più voyeuristi tra noi.

Sai che è successo poi? Una volta che Google ha scoperto che mezzo mondo aveva ormai cominciato a parlare della prima applicazione p...rurginosa per i suoi Glasses immaginando come il nuovo giocattolo potesse venire usato per certi scopi – il motore di ricerca ha pubblicato un nuovo aggiornamento alla sua Glasses Policy secondo cui: “Non autorizziamo contenuto per i Glasses che contenga nudità, riproduzione grafica di atti sessuali o nessun tipo di materiale sessualmente esplicito.”

Et voilà, allora. Game Over. Fine dei sogni di gloria.

Ah, quasi dimenticavo...

Stai ancora pensando che i Google Glasses valgano comunque l’investimento per quel micidiale, originale, creativo e rivoluzionario modo di usarli che hai in mente?

Mi dispiace per te, amico mio. Mi dispiace davvero.

Perché ho quasi dimenticato di dirti che l’ultima cosa che non puoi fare con i Google Glasses è...comprarli.

Si, esatto: non puoi comprare i Google Glasses. Fattene una ragione.

Tutto quello che ti rimane, al momento, è di continuare a sognare quanto sarebbe bello poterli usare mentre continui a goderti il mistero del gioco di sguardi con un perfetto sconosciuto. Il giorno in cui vedrai il loro profilo Facebook galleggiare accanto alle loro teste...chissà, magari potrebbe mancarti.

Qual è il tuo numero?

lukcynumber
lukcynumber

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

La roulette gratis online è un gioco estremamente emozionante al quale potete giocare in ogni momento e ovunque voi siat...

Continua a leggere