Bitcoin, a che punto siamo?

Bitcoin, a che punto siamo?

07 apr 2014 | 11:30 Editor: Federica Zacchi

Sono passati ormai cinque anni dalla creazione di Bitcoin, la moneta elettronica ideata dal giapponese Satoshi Nakamoto. E’ la più nota moneta virtuale, globale e decentralizzata; permette di acquistare o vendere beni e servizi attraverso il sistema peer-to-peer e utilizzando la crittografia per validare e rendere sicure le transazioni.

bitcoin7Dopo lo scetticismo iniziale e gli aggiustamenti in corsa, Bitcoin sta prendendo sempre più piede e sta alimentando una fetta importante del mercato: moltissime aziende, appartenenti ai più svariati settori del commercio e dei servizi, hanno iniziato a intravedere nuove opportunità di guadagno.

Sono sempre di più i rivenditori online che utilizzano Bitcoin. Per fare qualche esempio, possiamo citare innanzitutto Overstock, che è stato il primo in America a consentire ai suoi clienti di fare acquisti con Bitcoin. E poi ancora, abbiamo Shopify, Tiger Direct, BitcoinStore, e molti altri.  

Non solo il mondo del web, ma anche molti esercizi commerciali “fisici”, locali, bar, strutture turistiche) accettano pagamenti con la moneta virtuale. Per avere una misura di quanto questo sia il momento in cui tutti stanno ”facendo un pensierino” su Bitcoin, sentite questi due “casi”: in Trentino, un antico salone di barbieri nato nel 1870 – e tuttora in attività con la “quinta generazione” – è il primo negozio della regione ad accettare Bitcoin in cambio di un taglio di barba e capelli; a Cipro, l’Università di Nicosia dà ai suoi studenti la possibilità di pagare le tasse universitarie con Bitcoin.

Insomma, ad accettare questa nuova sfida dell’economia virtuale non sono più gli smanettoni al pc o i piccoli imprenditori che, quasi per scherzo, cercano un’alternativa per incrementare i loro guadagni. La tendenza, come abbiamo visto, si sta diffondendo in tutti i settori.

E la comunità del gioco d’azzardo, che potrebbe trovare ulteriore, nuova “benzina” nel Bitcoin, cosa sta facendo?

Anche in questo settore c’è movimento. A gennaio i Bitcoin sono sbarcati niente meno che a Las Vegas: ilGolden Gate Casinò Hotel” e il “The D Las Vegas Casino Hotel” hanno iniziato ad accettare la moneta virtuale. La prudenza, però, ancora la fa da padrone: i Bitcoin, infatti, possono essere utilizzati per pagare le camere d’albergo e le cene nei ristoranti delle due strutture, ma per scommettere è necessario convertire la moneta virtuale in contanti. Ma se le cose dovessero andare bene, probabilmente presto gli appassionati potranno utilizzare Bitcoin ai tavoli di gioco…

Anche i Casinò online non stanno certo a guardare: è il caso, ad esempio, della Casa da gioco con licenza maltese “Vera & John” che, pochi giorni fa, ha annunciato di accettare depositi in Bitcoin.

Siamo ancora in una fase di forte sperimentazione per trarre delle conclusioni e per avere certezze, soprattutto a causa della forte fluttuazione del valore della moneta virtuale. Ma quest’ultima, con qualche aggiustamento in più, potrebbe davvero essere un’ottima soluzione per gli operatori che offrono gioco d’azzardo online e ben presto potremmo vedere un proliferare di “Bitcoin Casinò”.

Non ci resta che aspettare i prossimi eventi e le prossime mosse per vedere se Bitcoin sarà davvero la moneta del futuro per un’ampia gamma di mercato, si tratti di gioco d’azzardo online o di qualsiasi altro servizio o prodotto.

No Image
Scopri di più Federica Zacchi

Communication and Public Relation officer

Qual è il tuo numero?

lukcynumber
lukcynumber

Giochi Gratis

Roulette Gratis Online

Roulette Gratis Online

La roulette gratis online è un gioco estremamente emozionante al quale potete giocare in ogni momento e ovunque voi siat...

Continua a leggere